Cenni storici:

I2grecol più prezioso vino del mondo, il vino degli dèi di Grecia, vecchio di millenni, si produce solo nel territorio di Bianco.

Ottenuto da uve passite, di colore giallo ambrato, ha un delicato aroma struggente di zagara e un eccezionale sapore vellutato, fine ed elegante.

Si abbina bene alla pasticceria ed ai formaggi.

Per essere gustato in maniera ottimale, va consumato dopo 2-3 anni dalla vendemmia ad una temperatura di 10-12°C, in calici di media capacità, a tulipano.

Si abbina a dolci in genere molto strutturati o consistenti, come quelli a pasta non lievitata con confetture di agrumi, e quelli con pasta di mandorle.

Secondo la tradizione, fu uno sconosciuto colono greco che nel VIII sec. a.C. trapiantò qui un tralcio di vite, perchè in terra straniera gli ricordasse la patria lontana.

Il suo fu un gesto sentimentale, ma egli non sapeva che avrebbe, così, prodotto l’ autentico vino degli dèi, che divenne subito famoso a Roma, dove imperatori e patrizi lo offrivano a personaggi di riguardo.

Narrano le antiche storie che le donnine allegre andavano in delirio (“Sei veramente gelida, o Bice, se iersera neanche il vino Greco è riuscito a scaldarti”).

Al Vino Greco, inoltre, furono attribuite virtù terapeutiche, ampiamente documentate da insigni medici.

Scheda tecnica:

Vino Passito da Dessert/ Meditazione

Zona di produzione: intero territorio del comune di Bianco e parte di quello di Casignana.

Uvaggio: 100% “Greco bianco”, con tolleranza fino al 5% di altre uve bianche raccomandate e autorizzate per la provincia di Reggio Calabria.

Resa di uva fresca per ettaro: q.li 90/100.

Resa di uva fresca in vino: 35%.

Colore: giallo tendente al dorato, con eventuali riflessi ambrati.

Odore: alcolico, etereo, caratteristico del vino, con sentori di fiori d’arancio, miele e fichi secchi.

Gusto: morbido, caldo, armonico, con caratteristico retrogusto. Ha un buon equilibrio tra acidità e dolcezza e finale di seta.

Ha una trama olfattiva ricca di personalità: un vino fuori dal tempo e dagli schemi.

Alcool: 14% Vol. + 3% Vol.

Consumo: da solo, in conversazione o in meditazione, o come aperitivo, accompagnato da pasticceria secca, o formaggi piccanti a pasta dura, o frutta fresca, a fine pasto.

Temperatura di servizio: variabile da 6°-8 °C a 10°-12 °C, in funzione dell’utilizzazione.

Tipo di lavorazione: pressatura soffice

Affinamento: Acciaio